PREMAZIONE del CONCORSO LETTERARIO 2014

 

Prima della chiusura delle manifestazioni estive a Montemitro con la ‘Pasta e fagioli’, il 17 agosto si č tenuta la ‘Večera na-našo’ (Serata croato-molisana) organizzata dalla Fondazione 'Agostina Piccoli', durante la quale l'ospite d'onore č la nostra lingua e la nostra storia. Quest'anno abbiamo proposto:

- Premiazione del concorso letterario

- Presentazione del nuovo libro ‘S našimi riči’

- Presentazione della raccolta di poesie na-našo in alfabeto Braille

- Apertura della mostra ‘Pet sekuli naza’

Il tutto č stato accompagnato dalle musiche dei KroaTarantata, che hanno proposto il loro repertorio e nuove canzoni composte per l’occasione. Come sempre hanno saputo animare la serata e renderla magica: bravi!

Importanti personalitŕ hanno arricchito la proposta culturale dell’estate montemitrana: Branka Bezić Filipović (Hrvatska matica iseljenika), Goran Borčić (Museo civico di Spalato), Ivan Krznarić (Associazione non vedenti di Croazia).

Tutta l’attenzione del pubblico che ha riempito la piazza si č poi concentrata sui vincitori del Premio ‘Fondazione Piccoli’ che quest’anno sono risultati:

1° classificato = Lucio Caruso con la poesia ‘Zvona’, che ha bissato il successo dell’anno scorso

2° classificato = Enrico Cocciolillo con la poesia ‘Kolure’

3° classificato = un autore anonimo con la poesia ‘Prohodu dane’

Inoltre sono stati assegnati due premi speciali della giuria a:

- Luigi Gentilini, per le sue belle composizioni italiane riguardanti San Felice

- Lucio Piccoli, per importanti opere di traduzione fuori concorso.

 
Primo classificato: Lucio Caruso
 
ZVONA
 

Zvonu zvona

Hi čujemo unutri doma

 

Se čuju veče van

Komu činu pro san

 

Zvonu, zvonu

Pa ne zvonu več

Nami sekolicimi

Štokodi hoču reč

 

Kada hi čujemo

Znademo što

Lipo, grubo

Nako ma pro

 

Kada lipo hi hualimo

Kada grubo hi branimo

 

One nonde

Na visoko stoju

Si zvonu vre

Nami lipo je

 

Ma kada zvonu palako

Nije dobro reč komu "blago".

 
Secondo classificato: Enrico Cocciolillo
 
KOLURE
 

Bilo je bilo…

Crno če bit

 
Terzo classificato: Anonimo
 
PROHODU DANE
 
Teče glava, oš za teč

noge, brižne, ne moru več


Jesu štangane ruke oš oč

malo je ostalo za si kumidat

jena lipi oš komidi stoč


Siduć zdola kojoga omera


U moje pendzire ču se hranit

za ne misli koko malo dani
su mi ostal... oš do smrte se branit...
     
     
     
     
     

 

 

 

Stampa questa pagina